Storia
16020
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-16020,bridge-core-3.0.1,qodef-qi--no-touch,qi-addons-for-elementor-1.5.4,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-28.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-6.8.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-6
 

La società venne fondata il 15 aprile 1883 da diciannove giovani, che battezzarono il circolo “Caprera” in ricordo delle imprese garibaldine, ancora indimenticate e vive a soli ventidue anni dall’unificazione italiana. I colori sociali scelti furono il rosso ed il bianco. Inizialmente vennero affittati dei locali da due coniugi nella barriera di Piacenza ma presto si fece sentire la necessità di una sede di proprietà, che venne edificata ed inaugurata nel 1885 in un terreno ceduto alla Caprera dal Comune.

La Società riuscì così a farsi spazio tra i principali circoli remieri e sportivi di Torino. Antonio Masera, esordiente all’età di trentacinque anni, si laureò Campione Italiano nella specialità dello skiff ai primi Campionati Nazionali di Stresa del 1889, traguardo nuovamente conquistato nel 1890 a Pallanza e nel 1891 a Como.

Il terremoto del 1900 costrinse i soci a ricercare una nuova struttura inaugurata nel 1914 e ancora attiva, sita sulla sponda destra del Po, a ridosso del Ponte Umberto I. Le due guerre mondiali portarono sconvolgimento e terrore anche nelle stanze di Corso Moncalieri. La società però dal secondo dopoguerra conobbe un periodo di florida attività agonistica, con l’ampliamento delle proprie strutture e un crescente numero di atleti e soci.